Miglior Prezzo Garantito

«Se mi dura questo entusiasmo finirò come Narciso». Un viaggio fotografico nella vita della grande attrice. Parte I Eleonora e Venezia

Eleonora Duse | Courtesy Fondazione Giorgio Cini


L’Istituto per il Teatro e Melodramma, diretto da Maria Ida Biggi, presenta una serie di mostre dedicate all'importante ricorrenza del 2024, che celebra i cento anni dalla scomparsa di Eleonora Duse, volte ad approfondire uno specifico aspetto della vicenda biografica e artistica dell’attrice italiana, ovvero il suo rapporto con Venezia e il Veneto (2022), il successo in Italia nel contesto teatrale nazionale (2023) e la fama internazionale (2024). Pensata per rendere visibile l’archivio personale di Eleonora Duse conservato sull’Isola di San Giorgio, la Stanza Duse riapre i battenti ospitando la prima di queste esposizioni dal titolo «Se mi dura questo entusiasmo finirò come Narciso». Un viaggio fotografico nella vita della grande attrice. Parte I Eleonora e Venezia, a cura di Maria Ida Biggi e Marianna Zannoni, incentrata sul profondo legame della Duse con la città lagunare e con l’intero territorio veneto. Per l’occasione viene esposte una ricca selezione del fondo fotografico dell’Archivio Duse, che ritrae l’attrice in momenti privati e mentre posa in abiti di scena, insieme ad una serie di oggetti e documenti appartenuti all’attrice italiana.



  1. Parole chiave: venezia, mostre, fondazione giorgio cini, arte.it, nozio business